FoyhoTech.it
Salute e Benessere

Il peperoncino fa bene o male al cuore? Ecco la verità 

Fonte: Pixabay - JillWellington

Il peperoncino è una spezia dal sapore unico che varia dal poco piccante al molto piccante, ma in tutte le sue varietà  è molto amato nelle nostre cucine anche perchè apporta diversi benefici all’organismo. Ma il peperoncino fa bene o male al cuore? La verità  la sveleremo in questo articolo.

Il peperoncino fa molto bene al cuore

Il peperoncino fa molto bene questo è un dato certo, infatti da studi è stato conclamato che riduce la mortalità  del 13% quindi può essere considerato un toccasana per allungare la vita. Inoltre fa benissimo anche per le arterie. È pur vero che, il suo sapore piccante, potrebbe non essere ben tollerato da tutti ma, dopo le prime volte, ci si abitua e lo si consuma con maggiore facilità .

I suoi benefici al cuore continuano, perchè previene anche malattie come l’ictus e le cardiopatie.

Il peperoncino è un’ottima fonte di Vitamina C e vitamina E. La Vitamina C previene alcuni tipi di cancro ed il suo utilizzo è consigliato soprattutto nei periodi invernali, perchè aiuta a potenziare le difese immunitarie, mentre la Vitamina E è considerata afrodisiaca.

Il peperoncino ha anche un’azione antistaminica, ma per beneficiare di tutti i suoi vantaggi è consigliabile consumarlo almeno 4 volte a settimana.

Come accennato in precedenza esistono diverse varietà  di questa spezia, ma tutte contengono capsaicina che è proprio la sostanza che conferisce il suo sapore particolare. Nei secoli passati sono sempre state elogiate le sue caratteristiche organolettiche perché usato a scopo terapeutico. È sconsigliato a chi soffre di problemi gastrointestinali quindi andrebbe moderato l’uso ed evitarne l’abuso.

Come si può consumare il peperoncino

Il peperoncino può essere consumato in diverse maniere: crudo, cotto, essiccato, affumicato. La varietà  più conosciuta e anche più piccante è sicuramente quella di origine calabrese, che può essere usata sulla pasta ma anche sulle bruschette e sulle uova: insomma è davvero buono dappertutto.

Un peperoncino quando è davvero buono si riconosce facilmente, perchè deve essere di colore rosso vivo ed il suo profumo si sente a primo impatto. Pupuò essere acquistato fresco per poi farlo essiccare e conservare in vasetti ed usarlo quando serve. Si può anche conservare sott’olio e in questo caso si avrà  anche un ottimo olio piccante da poter usare oltre il peperoncino stesso.

Logicamente può anche essere acquistato già  essiccato negli appositi vasetti e anche tritato, ma il sapore del peperoncino acquistato fresco e poi lasciato essiccare in casa avrà  sempre tutt’altro sapore rispetto a quello industriale.

Related posts

Cosa succede a chi mangia una carota al giorno? Ecco la verità

Patrizio Annunziata

Fasci di protoni e aritmia ventricolare: primo intervento per la cura del Cuore a Padova.

Rita Incoronato

Bere l’amaro tutte le sere fa bene o male? Ecco la risposta

Patrizio Annunziata