FoyhoTech.it
Salute e Benessere

Cataratta: le tipologie, le cause ed il trattamento

Fonte: Pixabay - TobiasD

La cataratta, conosciuta anche come ipòchima, è una condizione della vista generata dalla perdita di trasparenza del cristallino oculare (ovvero una sorta di “lente naturale” presente nell’occhio che consente di mettere a fuoco i raggi luminosi). I sintomi della cataratta sono la vista offuscata, la percezione dei colori sbiaditi, la difficoltà nel vedere le luci e nella visione notturna. Ciò comporta una serie di problematiche non indifferenti, come l’impossibilità di mettersi alla guida di un veicolo, la difficoltà nella lettura e persino nel riconoscere i volti ed i lineamenti delle altre persone. In alcuni casi, inoltre, la cataratta può causare la cecità del soggetto che ne è affetto.

Per saperne di più, è possibile visitare questo link: https://www.essiloritalia.it/la-tua-vista/difetti-visivi/capire-la-cataratta

Cause della cataratta

La cataratta solitamente è causata dall’avanzare dell’età, e si sviluppa in modo lento e progressivo. Tale tipo di cataratta, è definita senile e si verifica dopo i 65 anni, per via del rallentamento dei processi biochimici in grado di mantenere la trasparenza del cristallino. Tuttavia, ci potrebbero essere alcune cause in grado di accelerare il processo. Ad esempio, l’utilizzo di corticosteroidi (un gruppo di ormoni steroidei) in modo continuativo. Anche le ferite all’occhio generano questo problema (è possibile che a seguito di un trauma le fibre che costituiscono il cristallino possano danneggiarsi e colorarsi di bianco), oppure alcune patologie che possono provocare infiammazione del cristallino; ed inoltre ci potrebbe essere una predisposizione genetica alla cataratta.

Anche lo stile di vita può contribuire all’insorgenza della problematica, ad esempio se si consuma troppo alcol, o si segue una dieta povera di nutrienti o ancora se non si proteggono gli occhi in maniera adeguata durante l’esposizione al sole. Alcuni studi, infatti, hanno dimostrato che l’utilizzo degli occhiali da sole già dalla giovane età aiuta a prevenire l’insorgenza della cataratta in età avanzata. La cataratta giovanile, invece, si verifica prima dei 65 anni ed è causata da altre condizioni, come malattie dermatologiche o problemi metabolici (es. diabete mellito); la cataratta congenita o infantile è presente già alla nascita, oppure si verifica nei primi anni di vita come conseguenza ad alcune malattie come ad esempio la galattosemia o l’artrite reumatoide giovanile, che impediscono la formazione della capacità visiva.

Diagnosi e cura della cataratta

Per diagnosticare la cataratta occorre una visita oculistica, pertanto se si verificano dei disturbi come la vista sfocata o la difficoltà a riconoscere i colori è bene provvedere immediatamente ad un consulto.  Anche in assenza di specifici sintomi, ma con il semplice avanzare dell’età, è bene sottoporsi ad esami periodici completi. Il professionista, per diagnosticare la cataratta, esamina la retina anche mediante utilizzo di prodotti che dilatano la pupilla, oppure avvalendosi di strumentazione come il bioscopio (o lampada a fessura) in grado di individuare i danni.

La cataratta viene trattata mediante chirurgia. L’intervento consiste nell’impianto di una lente artificiale in grado di sostituire il cristallino danneggiato. Se il paziente necessita di rimozione del cristallino di entrambi gli occhi, verranno effettuati due interventi distinti, al fine di permettere la completa guarigione di un occhio prima di intervenire sull’altro. Le operazioni preliminari all’intervento, consistono nella valutazione della gravità della problematica e nella misurazione della curvatura della cornea, al fine di individuare con precisione la tipologia della lente che dovrà essere impiantata.

Related posts

Come mangiare aglio senza puzzare: questi i metodi

Patrizio Annunziata

Cosa succede a chi mangia mirtilli congelati? Ecco la risposta

Patrizio Annunziata

Stipsi: come sollecitare un intestino pigro

Rita Incoronato