FoyhoTech.it
Salute e Benessere

Mangiare melagrana a digiuno fa bene? Attenzione, ecco cosa succede

Il melagrana è un delizioso frutto autunnale in grado di apportare numerosi benefici alla nostra salute. In particolare, secondo alcuni studi, questo frutto riesce a ridurre l’arteriosclerosi, agendo direttamente sulle sue cause, cioè riducendo l’ipertensione, il colesterolo alto e lo stress ossidativo. Pertanto, il melagrana ha il potere di ridurre la mortalità causata dalle patologie cardiache

Già da solo, questo suo effetto basterebbe a renderlo uno dei frutti più importanti della nostra dieta; ma, in realtà, essa presenta ulteriori benefici. In questo articolo andremo a scoprirli, ma soprattutto capiremo se sia il caso di mangiare il melagrana a digiuno o meno. 

Il melagrana: a digiuno o dopo il pasto

Come indicano molti esperti, è preferibile mangiare melagrana a digiuno e al naturale. Per molti, mangiare questo frutto al naturale non è molto invitante, dal momento che occorre passare del tempo a estrarre i suoi chicchi ben conficcati nella buccia. Comunque, questa operazione si può velocizzare: basta tagliare il frutto in quattro spicchi e dare dei colpi secchi sulla buccia di ognuno, i semini cadranno da soli. 

Un altro modo per consumare questo frutto a digiuno è quello di bere il succo dei suoi semini al mattino, prima della colazione. Il succo ha però un retrogusto un po’ amarognolo, perciò, a volte, può essere utile addolcirlo col miele

Infine, per godere completamente delle proprietà del melagrana, si può ottenere un estratto dalla sua buccia, che, se consumato a digiuno, permette di contrastare il colesterolo in maniera molto efficace. 

Tutti i benefici del mangiare melagrana a digiuno

Il melagrana mangiato a digiuno comporta una serie di effetti benefici sul nostro organismo. In particolare:

  • Previene l’accumulo di grasso a livello addominale, grazie alle sue proprietà che gli permettono di accelerare il metabolismo dei grassi e di bruciarne un numero più elevato rispetto alla norma; è, dunque, un frutto molto indicato nel caso di diete dimagranti;
  • Combatte i disturbi intestinali, come la diarrea, grazie alle sue proprietà astringenti, che si manifestano soprattutto dopo l’assunzione di un decotto a base di buccia di melagrana; perciò, non è uno dei frutti più indicati per chi soffre di stipsi, tuttavia, questi soggetti non devono privarsene, semmai mangiarne in moderate quantità;
  • Svolge un’azione antinfiammatoria e antibatterica. Infatti, può essere particolarmente utile nel caso di infiammazioni delle articolazioni, poiché rallenta il deterioramento della cartilagine, permettendo un movimento meno doloroso e più fluido; ma anche nella lotta contro i batteri. Per questo viene spesso usato per contrastare i batteri del cavo orale, e la sua parte bianca può essere usata come base per i dentifrici; 
  • Riduce lo sviluppo della cataratta, migliorando così la salute della vista;
  • Diminuisce lievemente i livelli di pressione arteriosa, contribuendo alla salute del muscolo cardiaco;
  • Aiuta a prevenire, stando agli esiti di alcuni studi recenti, alcuni tipi di cancro, specialmente quello alla prostata. 

Visti tutti i benefici di questo frutto, abbiamo ottimi motivi per mangiare melagrana a digiuno. Questa modalità, infatti, permette al frutto di esprimere al meglio il suo potenziale benefico.

Related posts

Il farro fa male al colon? Incredibile, ecco la verità

Patrizio Annunziata

“Non mangiare questi funghi!”: ecco i più pericolosi di tutti

Patrizio Annunziata

La coppa fa bene o male? Ecco la verità

Patrizio Annunziata