FoyhoTech.it
Tecnologia

Antartide: scoperto sotto i ghiacci il punto più profondo della Terra

Si trova sotto i ghiacci dell’Antartide il nuovo punto più profondo della Terra tra le terre emerse. La scoperta è stata presentata ufficialmente su Nature Geoscience e arriva dalla mappatura dell’Antartide effettuata grazie a BedMachine, progetto dell’Università  della California di Irvine che ha rivoluzionato il modo di vedere l’Antartide e le sue caratteristiche topografiche. Com’è noto la preoccupazione riguardo l’Antartide è relativa alla velocità  con cui i suoi ghiacci si stanno sciogliendo: una preoccupazione confermata dal fatto che l’estensione marina dei ghiacci del continente antartico registrata nel 2019 è la seconda più bassa degli ultimi 10 anni. I dati di BedMachine promettono di fornire maggiore precisione anche al resto delle ricerche nel campo, e dovrebbero consentire nel tempo di diminuire le incertezze nelle proiezioni sull’innalzamento dei mari in relazione allo scioglimento dei ghiacciai antartici.

Le immagini che mostrano però la struttura delle montagne e dei terreni al di sotto dei ghiacci, però, rivelano qualcosa di inatteso. L’Antartide, che è sottoposta come tutto il resto del pianeta al rischio dei cambiamenti climatici, mostra “strutture come sollevamenti o cavità  sotto il ghiaccio che possono accelerare, rallentare o temporaneamente anche fermare il ritiro dei ghiacciai”. Insomma, se il ritiro dei ghiacciai resta un pericolo e un rischio imminente per l’Antartide e per il resto dell’ecosistema planetario, si è scoperto che proprio lì ci sono alcune zone caratterizzate da strutture fisiche e rocciose capaci di “rallentare lo scioglimento” in autonomia.

L’altra scoperta, quella che ha suscitato maggiore clamore, è la presenza di un Canyon profondo oltre 3500 metri al di sotto del livello del mare, e nascosto dal ghiacciaio di Denman. Questo Canyon rappresenta oggi il punto continentale più basso di tutto il pianeta, andando a costituire di fatto il gemello della Fossa delle Marianne, che raggiunge gli 11mila metri di profondità , ma si trova al di sotto dell’oceano e non tra le terre emerse. La scoperta è stata illustrata così da Mathieu Morlighem, ricercatore del progetto dell’Università  di Irvine: “Le mappe più vecchie suggerivano la presenza di un canyon meno profondo, ma era impossibile, mancava qualcosa. Secondo il principio di conservazione della massa, e combinando le osservazioni radar e di movimento dei ghiacci, possiamo sapere quanto ghiaccio si muove attraverso il canyon che, secondo i nostri calcoli, raggiunge il 3500 metri sotto la superficie del mare, il punto più profondo sulla Terra”.

Related posts

Salone dell’auto di Ginevra chiuso per Coronavirus. Secondo evento globale saltato in UE

Alberto Sanci

App del giorno: Legends of Runeterra arriva anche su mobile

Alberto Sanci

App del giorno: RadioPlayer Italia raccoglie 140 emittenti in un’unica app

Alberto Sanci