Un nuovo update per le batterie

L’ultimo step evolutivo per quanto concerne le batterie contenute nei nostri dispositivi mobile è Made in China.

La società cinese Dongxu Optoelettronica ha presentato la prima batteria per smartphone in grafene; questa batteria oltre ad essere più longeva, vanta la capacità di ricaricarsi 20 volte più velecomente della competitor a Litio.

La nuova batteria, è stata battezzata G-King, e dati tecnici alla mano, ha tutte le potenzialità per spodestare l’ormai indiscusso Litio.

In effetti G-King ha una capacità di 4800 mAh, una capacità usata fino ad ora per Laptop e Tablet, e stando a quanto dichiarato, può essere scaricata 3500 volte, vantando una vita 7 volte maggiore degli accumulatori a Litio.

Tuttavia il dato più interessante di G-King è la capacità di effettuare una ricarica completa in un lasso di tempo che va dai 13-15 minuti rispetto alle 2-3 ore di una batteria a Litio.

La nuova batteria al Grafene è pronta per il mercato?

Il Grafene è un composto costituito da un singolo strato bidimensionale di atomi di carbonio, principalmente trova il suo impiego nel fotovoltaico.

La società Cinese Dongxu Optoelettronica ha presentato a luglio 2016, in una conferenza a Pechino questa soluzione contaminando il mondo degli Smartphone con la tecnologia del Grafene.

Tuttavia questo è solo l’inizio, infatti lo scopo dell’azienda è diffondere questa nuova tecnologia sostituendo definitivamente il Litio.

Dunque ben presto potremmo ritrovarci queste batterie negli schermi flessibili, nei PC, negli accessori e persino nelle auto elettriche.

Le uniche incognite da svelare restano a questo punto il prezzo e la data di lancio sul mercato.

Resta comunque da dire che l’implemento di questa tecnologia metterà senza dubbio in crisi altri settori oggi in crescita; parliamo principalmente del settore delle batterie in Litio e di settori minori a questo vincolati:

Cavi di alimentazione alternativi a quelli “stock” che garantiscono maggiori prestazioni.

Carica batterie portatili che ci aiutano ad arrivare a fine giornata con i nostri device.

Potremmo finalmente liberarci dell’angoscia di tenere sempre sotto controllo la batteria e tornare ai fausti tempi dei vecchi Nokia 33xx.