I cambiamenti operati da Google potrebbero fare la differenza

Google non è estranea al cambiamento algoritmico. Di solito, tali modifiche hanno apportato dei significati benefici agli utenti.

Infatti già nel 2015, Google ha aggiunto un “mobile-friendly label” per i risultati di ricerca che sono stati ottimizzati per tali piattaforme – in cui il testo è leggibile senza zoom e scorrimento orizzontale, ed i link sono distanziati quanto basta in modo che ci sia una ridotta possibilità di mis-tapping. Da allora Google ha rilevato che in questo modo è stato ottimizzato l’85% dei risultati di ricerca sui dispositivi mobili.

E’ dal 10 gennaio Google ha deciso di dare un segnale a coloro che abusano dei  pop-up e degli interstitials. Infatti i siti i cui contenuti non saranno facilmente accessibili dai dispositivi mobili saranno spostati più in basso all’intero del motore di ricerca. I siti che si affidano così a questo genere di pubblicità come fonte di reddito saranno particolarmente penalizzati.

Ma non tutti i pop-up sono uguali, infatti Google ritiene che solo alcuni di essi siano oppressivi per l’esperienza dell’utente. Altri invece sono obbligatori, come ad esempio quelli utilizzati dalle aziende di liquori per verificare l’età degli utenti.

Secondo un post sul blog ufficiale di Google sono questi i fattori che influiranno maggiormente sulla penalizzazione dei siti web:

  • mostrare un pop-up che copre il contenuto principale, anche si mentre sta cercando attraverso la pagina.
  • obbligare la visualizzazione di un contenuto che l’utente deve “respingere” prima di accedere al contenuto principale (interstitial invadenti).
  • utilizzare un layout in cui la parte di superiore (a tendina) appare simile ad una interstitial, ma il contenuto principale della pagina è, lì sotto, nascosto.

Sono invece esclusi da questa penalizzazione, quei banner che, risultano necessari per l’accettazione dei cookie, per la verifica dell’età dell’utente o che comunque occupano una parte minima dello schermo del dispositivo

A proposito dell'autore

Sono Carmine Ronga, laureato magistrale in Economia Aziendale, attualmente praticante dottore commercialista. Appassionato di tecnologia e telefilm, cercherò, attraverso Foyhotech, di tenervi informati sulle news riguardanti il mondo della telefonia, dei tablet e non solo.

Post correlati