FoyhoTech.it
Risparmio

Compra un auto usata: ecco perchè puà diventare un grande affare

Fonte: Pixabay - music4life

Il mercato delle automobili usate è sempre in fermento ed è un settore che non conosce particolari crisi, visto che sempre una maggiore fascia di utenza predilige investire su un’auto di fascia medio-alta ma usata che su una economica nuova.

Consigli in fase di acquisto

Ovviamente un mercato così ampio e saturo di offerte appare come una vera e propria giungla colma di insidie, visto che in mezzo a tanti affari è possibile sempre incappare in “pacchi”, ossia auto che non vale la pena acquistare. Tuttavia con pochi e semplici accorgimenti è possibile ridurre al minimo il rischio di acquistare la vettura sbagliata.
Qualora decideste di recarvi presso una concessionaria, ricordatevi che è opportuno prestare particolarmente attenzione ai dettagli dei veicoli, che solitamente presentano meno difetti rispetto alle vetture vendute dai privati.
Controllate il vano motore, se presenta segni di precedenti incidenti, e se è troppo “pulito”: questo potrebbe nascondere alcune magagne del motore che sono state maldestramente celate; acquistare un auto usata presso una concessionaria obbliga il venditore a fornire almeno un anno di garanzia.

Per i privati la faccenda è un po’ diversa, il rischio di trovare difetti è maggiore ma solitamente si ha più tempo e più spazio di trattativa: spesso chi vende ha un urgenza di rientrare subito nelle spese e questo potrebbe aiutare parecchio nel caso vogliate far scendere il prezzo. E’ sempre molto consigliato prendersi tempo a sufficienza soprattutto per verificare il corretto funzionamento di freni, meccanica, sterzo e ammortizzatori anteriori e posteriori: una prova su strada, magari in compagnia di un esperto o di un meccanico è sempre la scelta migliore.

Related posts

“Attenzione a questo post!”: ecco la nuova truffa su Facebook

Beatrice Verga

Attenzione all’IMU: ecco quanti soldi rischi di pagare

Beatrice Verga

Un centesimo che vale almeno 2500 euro: guarda nel portafogli se c’è

Beatrice Verga