FoyhoTech.it
Risparmio

Pensione d’invalidità  civile INPS: a chi spetta?

Fonte: Pixabay - anaterate

Le prestazioni INPS, come si sa, sono numerose. Quando le si nomina, è necessario ricordare anche la pensione d’invalidità  civile INPS (che non ha carattere previdenziale). Nelle prossime righe, vediamo di cosa si tratta di preciso e a chi spetta.

Invalidità civile INPS: chi sono i beneficiari della prestazione

La pensione di invalidità  civile INPS spetta a quei soggetti a cui l’Ente previdenziale ha riconosciuto un’invalidità  pari al 100%. Quest’ultima, al fine di avere i requisiti per accedere alla prestazione, deve essere sia totale, sia permanente.

In poche parole, hanno diritto a queste prestazioni INPS coloro i quali hanno perso totalmente la capacità  di essere attivi sul mercato lavorativo. I requisiti per accedere alla pensione di invalidità  civile INPS non finiscono certo qui.

Chi ha intenzione di accedere a questa prestazione dee tenere conto anche di un montante minimo di contributi. A quanto corrisponde? A un minimo di di 5 anni. Essenziale, inoltre, è che almeno tre di questi siano stati maturati nel lustro precedente alla presentazione della domanda di accesso alla prestazione.

Altri requisiti

I requisiti di accesso alla pensione di invalidità  civile INPS non finiscono certo qui. Da ricordare, infatti, è anche l’esistenza di riferimenti relativi all’età . Possono richiedere questa prestazione solo i soggetti di età  compresa tra i 18 e i 67 anni.

Tornando un attimo ai requisiti sanitari, ricordiamo che il loro possesso deve essere stabilito da un’apposita commissione medica ASL. Quest’ultima, ha il compito di stabilire la percentuale di invalidità. Nel momento in cui il soggetto è riconosciuto in possesso degli adeguati requisiti sanitari, ha la possibilità, tramite i Caf, i patronati o attraverso il pin dispositivo INPS, di presentare la domanda di accesso all’invalidità  civile. L’accoglimento di quest’ultima implica non solo la ricezione della pensione, ma anche la possibilità, una volta  compiuti i 67 anni, di vedere la suddetta somma trasformarsi in assegno sociale.

Quanto spetta?

Per l’anno 2020, la pensione di inabilità  per invalidi civili INPS corrisponde a 286,81 euro mensili. Riservata a persone stabilmente residente in Italia, questa prestazione INPS considera anche un limite di reddito personale annuo pari a 16.984,49 euro.

L’Ente previdenziale, in merito all’accertamento dei requisiti reddituali, quanto dichiarato dal cittadino per l’anno scorso e in via presuntiva. In casi particolari stabiliti dalla legge, la pensione d’invalidità  civile INPS può essere incrementata attraverso un importo mensile (la cosiddetta maggiorazione). Concludiamo facendo presente che, al compimento dei 67 anni, il soggetto non può essere sottoposto alla verifica del possesso dei requisiti sanitari.

Related posts

Pensione di invalidità: ecco come ricevere l’aumento

Vincenzo Galletta

Attenzione a queste truffe online: potresti perdere molti soldi

Alessia Ferranti

Truffa su luce e gas porta a porta: attenzione a cosa può accadere

Alessia Ferranti