FoyhoTech.it
Risparmio

Attenzione a questi siti web: sono dannosi per il tuo smartphone

Fonte: Pixabay - stevepb

Lo smartphone non è solo uno strumento di lavoro. Si tratta di un compagno costante delle nostre giornate. Per rendersene conto, basta pensare a tutte le volte che lo utilizziamo mentre siamo in compagnia delle persone care per scattare foto da pubblicare poi sui social. Alla luce di ciò, la protezione dello smartphone diventa un obiettivo importantissimo. Nelle prossime righe, abbiamo elencato alcuni siti web e app che possono provocare danni a questo prezioso dispositivo.

Attenzione alle app HiddenAds

Quando si parla di siti e app che possono danneggiare lo smartphone, un doveroso cenno deve essere dedicato alle app HiddenAds. Con questo termine, si indica un trojan che può sembrare un’applicazione sicura, ma che è tutto tranne che quello.

Come capire se sul proprio smartphone è presente un‘app di questo genere? La prima cosa da considerare riguarda il fatto che, in questi casi, l’app risulta installata sul device ma l’icona non è visibile assieme alle altre applicazioni che vengono normalmente utilizzate.

Il singolo utente, che si trova letteralmente bombardato da continui annunci, ha oggettive difficoltà nel comprendere sa dove questi ultimi arrivino. Da diversi anni, il team di Avast, anti virus tra i più famosi, avverte gli utenti in merito al pericolo delle HiddenAds app, rischiose sia per i soldi, sia per i dati.

Come proteggere il proprio smartphone dai siti e dalle app dannosi

Si potrebbe andare avanti ancora molto a parlare dei siti e delle app che possono provocare danni allo smartphone. Molto importante è anche capire come proteggere il proprio device. Ecco i consigli da mettere in atto:

  • Assicurati che il tuo smartphone sia sempre aggiornato all’ultima versione del sistema operativo che utilizzi e scarica l’aggiornamento non appena ti viene notificata la disponibilità.
  • Evita di cliccare sui link che trovi in mail, SMS o WhatsApp provenienti da mittenti non conosciuti o da palesi imitazioni di enti istituzionali o aziende famose (indicativi a tal proposito sono gli errori ortografici o la presenza, nel record del mittente, di indirizzi con un dominio non proprietario, come per esempio agenziaentrate@gmail.com).

Con queste regole molto semplici – e con la consapevolezza di dover installare e aggiornare un antivirus di ultima generazione – è possibile proteggere il proprio smartphone al meglio. Inoltre, deve salire l’allerta nel momento in cui ci si trova davanti a siti che chiedono di installare un programma, ma anche a portali che, quando si scarica un film o un documento, chiedono contestualmente di procedere al download di un plugin.

Related posts

Riforma fiscale 2021: ecco il taglio del cuneo fiscale. Cosa è?

Alessia Ferranti

Come comprare azioni facilmente e fare soldi: ecco il metodo

Alessia Ferranti

Bonus Bici 2020: ecco le ultime novità 

Beatrice Verga