FoyhoTech.it
Tecnologia

Project xCloud finalmente in Italia dalla settimana prossima: i dettagli

ProjectX Cloud, la sperimentazione in beta di Microsoft per giocare in streaming ai titoli Xbox e non solo, sta per arrivare in Italia. L’annuncio è ufficiale: il team di sviluppatori ha infatti comunicato che sono partiti i primi inviti agli utenti selezionati in alcuni paesi: Germania, Olanda e Francia. E che in tutti gli altri paesi dell’Europa Occidentale, Italia inclusa, gli inviti arriveranno nel corso della prossima settimana. Di seguito il testo dell’annuncio ufficiale.

L’appuntamento e i requisiti per partecipare

“Xbox è lieta di annunciare la nuova fase del proprio impegno pluriennale per consentire a un numero sempre maggiore di giocatori in tutto il mondo di accedere a Project xCloud. Come anticipato il 7 aprile, l’azienda è al lavoro affinché la preview di Project xCloud sia disponibile su Android in Europa Occidentale. A partire da oggi, Microsoft invierà i primi inviti alla preview in Germania, Francia e Paesi Bassi e che, dalla prossima settimana, cominceranno ad arrivare anche ai giocatori in Belgio, Danimarca, Finlandia, Irlanda, Italia, Norvegia, Spagna e Svezia”.

Insomma, un appuntamento importante per il futuro del gaming sta per arrivare anche qui da noi. C’è ancora un po’ di tempo per iscriversi e provare ad essere tra gli utenti invitati da Microsoft al test di Project xCloud. Ricordiamo che i requisiti sono avere innanzitutto una account Microsoft ed un controller wireless Xbox One abilitato al bluetooth. C’è poi necessitò di uno smartphone o tablet Android con il sistema operativo in versione 6.0 o successiva, e Bluetooth almeno nella versione 4.0. Gli utenti devono avere accesso ad una connessione veloce, fissa o mobile, che abbia almeno 10 Mbps in download. Per il WiFi è consigliata una connessione a 5 Ghz.

Prospettive e impatto del test sulle reti in tempo di Covid19

Ovviamente i partecipanti devono tenere presente che essendo Project xCloud un progetto in fase di test, possono esserci dei bug, degli errori o delle difficoltà, e che la loro partecipazione è esattamente un’opportunità per migliorare il servizio in vista del suo arrivo sul mercato. Anzi, la varietà di utilizzo in diverse situazioni e scenari sarà uno dei parametri di valutazione dell’esperienza. Avvenendo tutto questo in un periodo in cui le reti sono sotto forte stress, a causa del numero di accessi dovuti agli isolamenti per contenere l’epidemia da coronavirus, Xbox sta ammettendo alla partecipazione un numero limitato di giocatori, sperando di poter presto coinvolgerne altri, col passare del tempo. A tal proposito segnaliamo le parole di Catherine Gluckstein, GM & Head of Product di Project xCloud.

“In collaborazione con il team di Microsoft Azure, stiamo monitorando attivamente l’impatto del COVID-19 sulle prestazioni di internet in Europa Occidentale e crediamo di poter procedere con il lancio dell’anteprima di Project xCloud all’interno della regione in maniera responsabile, utilizzando misure graduali. Infatti, abbiamo deciso di adottare un approccio ponderato per ogni Paese, inizialmente consentendo l’accesso a un numero limitato di partecipanti per poi aumentarne il numero nel corso del tempo, per evitare di sovraccaricare indebitamente la larghezza di banda del Paese. Siamo davvero entusiasti che nuovi giocatori in Europa Occidentale possano unirsi al divertimento, provare Project xCloud e contribuire a creare il futuro dello streaming dei videogiochi.”

Related posts

Crisi GameStop sempre più nera: l’azienda chiede politiche ancor più “aggressive”

Alberto Sanci

Offerte Amazon: slitta il Prime Day 2020. Ipotesi a settembre

Alberto Sanci

Offerte Amazon: arrivano gli smartphone Oppo su Amazon Italia – Ecco i prezzi

Alberto Sanci