FoyhoTech.it
Salute e Benessere

Nelle uova ci può essere un insetticida: ecco come difendersi

Nelle uova possiamo trovare un insetticida molto pericoloso per la nostra salute, questo è il Fipronil, usato negli allevamenti dei Paesi Bassi seppur sia vietato dalle leggi internazionali, che sono molto rigide sui prodotti chimici da poter usare negli allevamenti di pollami. Il Fipronil è un insetticida che con la cottura non degrada ed è stato trovato nelle uova all’insaputa di molti allevatori, perchè mischiato agli insetticidi legali dalle aziende.

Il Fipronil è arrivato anche nelle uova italiane? Questa la verità

Il Fipronil è venuto alla ribalta quando nel 2017 in molti paesi dell’Europa è stata riscontrata la sua presenza nelle uova di galline e nei derivati delle stesse uova come biscotti e paste. E’ stata repentinamente aperta un’indagine ad ampio raggio e si è riusciti a risalire agli allevamenti dei Paesi Bassi in pochissimo tempo, così si è riusciti ad arginare il pericolo che avrebbe causato questo insetticida sulla salute umana. Questa molecola infatti, provoca irritabilità, tremori e, a uno stadio più grave, letargia e convulsioni.

Cosa dicono i dati dell’Efsa sul Fipronil nelle uova?

Gli Stati membri hanno fornito risultati su 5.439 campioni di uova e pollo analizzati alla ricerca di Fipronil, e altre sostanze, usate impropriamente negli allevamenti di pollame contro gli acari rossi. Di questi campioni, come racconta il fattoalimentare.it, 742 contenevano quantità di residui superiori ai limiti legali.

Il Fipronil è stato riscontrato in uova di gallina non trasformate (601 campioni), grasso (134) e muscolo di galline ovaiole (5), uova essiccate in polvere (2). Questi campioni erano originari dai Paesi Bassi (664), Italia (40), Germania (13), Polonia (11), Ungheria (6), Francia (5), Slovenia (2) e Grecia (1).

I veri rischi per la salute a causa del Fipronil

Abbiamo già accennato quali sono i rischi a cui si va incontro se si ingerisce Fipronil, ma per avere i disturbi elencati in precedenza bisognerebbe assumere una quantità abbondante dell’insetticida, e secondo le indagini svolte, nelle uova era presente una piccolissima quantità di Fipronil, quindi anche mangiando qualche uovo contaminato la salute non ne risentirebbe. L’importante è stato comunque averlo individuato in poco tempo, altrimenti i rischi sarebbero stati molti più elevati.

Come evitare le uova contaminate

Partendo dal presupposto che dopo il 2017 i controlli sugli allevamenti di galline e pollami in genere sono diventati ancor più rigidi e che quindi il Fipronil dovrebbe essere sparito dalla circolazione, il consiglio è comunque quello di acquistare uova di origine bio e provenienti dall’Italia. I disciplinari del bio escludono totalmente l’uso di trattamenti con sostanze contaminanti alle galline. Il metodo bio, inoltre, adottato volontariamente dai produttori. Il rispetto delle regole, quindi, è parte integrante della loro condotta aziendale.

Related posts

Il pecorino contiene lattosio? Ecco la risposta che sorprende tutti

Patrizio Annunziata

Osteoporosi e Irisina sul mercato entro il 2025

Rita Incoronato

Si può mangiare la mozzarella scaduta da 10 giorni? Risponde l’esperto

Liana D'Angelo