FoyhoTech.it
Salute e Benessere

Mangiare tonno in scatola fa bene? Attenzione, ecco cosa succede

Fonte: Pixabay - Taken

Mangiare tonno in scatola fa bene? E’ una domanda molto ricorrente che forse ci poniamo tutti ed in questo articolo spiegheremo se mangiare questo pesce in scatola fa davvero bene oppure. Bisogna comunque partire dal presupposto che il tonno è un pesce di ottima qualità  e al nostro organismo può apportare moltissimi benefici. Detto questo però, va anche ricordato che mangiarlo in scatola non è come mangiare tonno fresco, quindi quello che si trova in commercio nelle scatole non potrà  mai avere le stesse proprietà  nutrienti del tonno comprato fresco.

Quindi abbiamo già  spiegato che il tonno in scatola non può fare bene al nostro organismo così come il tonno comprato fresco, ma tra le moltitudini di scatolette che troviamo in commercio come si può scegliere la migliore? Risponderemo anche a questa domanda nei prossimi paragrafi.

Ecco come scegliere un buon tonno in scatola

Partiamo dal processo che porta all’inscatolamento di questo pesce. Il tonno viene tagliato in tranci dalla parte del muscolo, sottoposto a sterilizzazione e sgocciolamento. Successivamente viene cotto in acqua calda con sale ed aromi. Fatto ciò, il tonno viene confezionato solitamente in scatolette di latta con due metodi differenti.

I due metodi sono facili da individuare perchè in commercio troviamo il tonno al naturale e quello all’olio, la differenza tra queste due tipologie la fanno gli ingredienti.

Tra le tante scatolette che si trovano in commercio è consigliabile acquistare quelle grandi, perchè è presente la maggior parte del muscolo e consente così di godere appieno delle proprietà  nutritive di questo pesce. Nelle confezioni piccole, infatti, solitamente sono presenti gli scarti del muscolo utilizzato per le scatolette grandi per cui spesso il tonno è di scarsa qualità .

Ancor meglio se il tonno viene acquistato in barattoli di vetro, perchè in questo modo sarà  più semplice capire se il tonno è fresco e soprattutto di buona qualità . Questo pesce quando è fresco presenta un colorito rosa, per cui se dovesse notare che il tonno ha un colore rosa-grigiastro o rosa-giallognolo significa che il tonno non è fresco. Inoltre, nel caso in cui, il tonno dovesse presentare degli strani riflessi di colore verde brillante, allora sicuramente non è di buona qualità , in quanto al momento del confezionamento è stato aggiunto della clorofilla.

Meglio il tonno all’olio o al naturale?

E’ sicuramente consigliabile acquistare sempre il tonno al naturale per due ragioni: la prima è che non si può mai conoscere con esattezza la quantità  di olio che si aggiunge alle scatole e poi perchè l’olio non fa altro che aggiungere grassi ad un pesce già  grasso di suo.

Inoltre è sempre meglio leggere sull’etichetta la provenienza del tonno, quello pescato nel mar Mediterraneo è da preferire agli altri, in più controllare anche che non siano stati aggiunti conservanti, coloranti ed esaltatori di sapidità .

 

Related posts

L’acqua di cicoria riduce il diabete? La risposta della medicina

Patrizio Annunziata

Cosa succede a chi beve sciroppo d’agave? Ecco la risposta

Patrizio Annunziata

Cosa succede a chi mangia ketchup scaduto? Incredibile, ecco la risposta

Patrizio Annunziata