FoyhoTech.it
Tecnologia

WhatsApp: in arrivo una prima limitazione ai video, ecco quale

L’emergenza coronavirus sta portando i server delle “big” del mondo di internet a lavorare sotto enorme stress. Il lockdown e la quarantena imposti in gran parte del mondo sta scaturendo in uno spostamento delle attività sociali su internet, ancora più forte di quanto non fosse in precedenza. Nei giorni scorsi Facebook Inc., la ditta titolare del gruppo di app Facebook (oltre a questa, Instagram e WhatsApp) si è detta preoccupata per la tenuta dei propri server. Videochiamate e condivisioni sono aumentate in modo esponenziale: il tempo delle prime è superiore di circa il 1000% al dato precedente all’emergenza.

WhatsApp, in particolare, sta per correre ai ripari. Secondo quanto diffuso dal team di WABetaInfo, nel prossimo futuro non sarà più possibile condividere video più lunghi di 16 secondi all’interno del proprio status.

La misura è già stata adottata in India, dove l’utilizzo dei server in questi giorni è altissimo. Si tratta di una misura cautelativa che mira ad alleggerire il carico “costante” sui server dell’applicazione. E cioè a diminuire il peso di questa specifica funzionalità di WhatsApp. Ancora oggi, almeno in Italia ed in altri paesi, è infatti possibile caricare nel proprio stato un video della durata fino a 30 secondi. La limitazione che è stata già imposta in India potrebbe essere estesa agli altri paesi per alleggerire ulteriormente il traffico.

Cosa fare per evitare il crash di WhatsApp

Ovviamente, il consiglio che ne consegue, per chi avesse un video caricato nel proprio status di WhatsApp, è quello di limitare in questo periodo la personalizzazione del proprio profilo ad una foto. Questo anche per non arrivare a possibili criticità per le quali, in futuro, potrebbe essere problematico scambiare messaggi o effettuare videochiamate.

Related posts

Come pulire smartphone e notebook per difendersi dal coronavirus

Alberto Sanci

Offerte Amazon: arrivano gli smartphone Oppo su Amazon Italia – Ecco i prezzi

Alberto Sanci

Xbox Series X può battere PS5 sui giochi in esclusiva: ecco perché

Alberto Sanci