FoyhoTech.it
Tecnologia

Smartphone, crollano le vendite: -39% in un anno. Xiaomi supera Huawei

Il mercato degli smartphone sembra particolarmente provato dalla crisi economica scaturita dall’emergenza contagi da coronavirus. I dispositivi di telefonia mobile si sono venduti nel mese di febbraio 2020 con una percentuale del -39% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Un dato clamoroso, che potrebbe essere ancora più pesante nel mese di marzo, in considerazione dell’espansione dell’epidemia nei paesi occidentali. Il mercato cinese ricopre sicuramente un ruolo prominente nei dati, in relazione alla popolazione – la più numerosa del mondo –  ma il contraccolpo arriverà senza dubbio anche in Europa e negli Stati Uniti.

I dati di Strategy Analytics

Strategy Analytics ha spiegato che: “la fornitura e la domanda sono crollate in Cina, sprofondate in Asia e poi sono rallentate nel resto del mondo. È il più grande calo di sempre, un periodo che il settore vorrà dimenticare”. Dai dati è possibile evincere che, mentre lo scorso anno le unità di smartphone ordinate e spedite arrivava poco sotto i 100 milioni, nel 2020 la cifra ha di poco superato i 61 milioni totali.

I fattori alla base del calo

Il settore risentirà ulteriormente anche dell’annullamento della totalità degli eventi internazionali dedicati alla presentazione dei nuovi dispositivi. Dal MWC 2020 di Barcelona, passando per tutte le fiere hi-tech annullate, i produttori hanno perso gran parte delle casse di risonanza dei propri prodotti. A questo bisogna poi aggiungere l’effetto timore causato dalla probabile crisi economica che seguirà quella sanitaria, e il mancato “aggancio” pubblicitario del pubblico. Attualmente concentrato in modo praticamente esclusivo sullo sviluppo dell’economia.

Top Brands: Xiaomi supera Huawei

La classifica per brand vede ancora in testa Samsung ed Apple, entrambe in calo nel numero totale di unità vendute. Il terzo posto viene conquistato da Xiaomi. L’azienda cinese supera di slancio la connazionale Huawei, fortemente indebolita nei mercati occidentali dal ban USA e dall’impossibilità di ottenere i Google Mobile Services. Alle spalle di Huawei, attualmente quarta, altri due marchi orientali: Oppo e Vivo. La sensazione generale, però, è che il mercato possa calare ulteriormente.

Related posts

Intel acquisisce Habana Lab: svilupperà l’IA per i data center

Alberto Sanci

PS5 ha costi alti: può essere venduta in perdita. Sony chiude i Forum PS

Alberto Sanci

Nintendo Switch Pro: il presidente Furukawa smentisce l’arrivo nel 2020

Alberto Sanci