FoyhoTech.it
Salute e Benessere

Perchè il tonno in scatola fa male? La risposta è sconvolgente!

Il tonno è un alimento ricco di proteine che di solito viene acquistato in scatola, perchè più comodo da consumare e non porta via tempo per prepararlo. Una domanda che forse non ci poniamo troppo spesso è questa: il tonno in scatola fa male? La risposta che vi daremo di seguito è sconvolgente!

Il tonno in scatola fa davvero male?

Il tonno in scatola contiene un’alta quantità  di sale e per questo è sconsigliato alle persone che soffrono di colesterolo alto e quelle che devono seguire un regime alimentare ipolipidico.

Il tonno in scatola viene sconsigliato per l’eccesso di cloruro di sodio che serve però a conservare l’alimento.  Questo dato va tenuto strettamente in considerazione in quanto interferisce sulla ritenzione idrica. Solitamente, in gravidanza, è sconsigliato perché, essendo un pesce di grossa taglia, ingerisce spesso metalli tossici.

Quindi il tonno in scatola risulta avere diverse controindicazioni, mentre quello in vetro è più salutare perchè proprio il vetro consente di mantenere inalterate le proprietà  del pesce e non ha alcuna sostanza nociva.

Il tonno dovrebbe far parte della nostra alimentazione, poichè contiene Omega3 che concorrono a migliorare il sistema circolatorio e prevengono il rischio di malattie ad esso connesse. Le proteine del tonno sono molto apprezzate dagli sportivi poiché aiutano a rafforzare la struttura muscolare.

Ma va ricordato che tra quello in scatola e quello conservato in vetro è sempre acquistare il secondo, logicamente sarebbe ancor meglio comprare il tonno fresco.

Come si può gustare il tonno

Il tonno se conservato sott’olio è davvero prelibato per il palato, ma bisogna prestare massima attenzione alla qualità  del pesce che si acquista, perchè non tutti i tonni hanno la stessa consistenza.

Al contrario quello in scatola risulta essere come una sorpresa, perchè non si vede il prodotto all’interno e quindi fino a quando non si apre il contenuto resta un punto interrogativo. Quello che è certo che dentro la scatola non si troveranno filetti di tonno come invece sono quelli in vetro e per lo più non si vede il colore del pesce, che per essere ottimo deve avere un rosa chiaro e integro: perfetto da servire accompagnato da un’insalata.

Il tonno può essere consumato anche come spuntino veloce in un panino, magari accompagnato con uova e insalata, ma può anche essere mangiato a pranzo con la pasta e una salsa con olive e pomodori.

E’ perfetto per le insalate fredde insieme alle patate bollite, mentre come antipasto sono da provare le polpettine di tonno e ricotta.

La versatilità  di questo ingrediente permette anche di dare libero sfogo a ricette creative e insolite perché è davvero ottimo da accompagnare a qualsiasi pietanza.

Related posts

Bere l’amaro dopo pranzo fa bene? Attenzione, ecco cosa succede!

Patrizio Annunziata

Perchè il sushi fa venire sonno? Ecco la risposta

Patrizio Annunziata

Mangiare alloro crudo: ecco cosa succede al nostro corpo

Patrizio Annunziata