FoyhoTech.it
Tecnologia

Google Stadia porta il 4K su Chrome: ma non per tutti

La risoluzione in 4K non sempre disponibile è tra i fattori di maggior critica verso Google Stadia. Il servizio di cloud gaming di Mountain View continua ad essere al centro di grandi polemiche, per una serie di difetti rispetto agli annunci fatti alla sua apertura. Tra questi, ad esempio, anche il mancato aggiornamento della lista dei giochi, dovuto – pare – a investimenti davvero bassi negli accordi con gli sviluppatori. Intanto, il problema della risoluzione in 4K potrebbe essere, almeno parzialmente, risolto.

Stadia ha infatti finalmente introdotto la risoluzione 4K per chi accede al portale attraverso il browser Chrome, quello della stessa casa madre. La caratteristica era una delle più pubblicizzate al lancio della piattaforma, ma era riservata fino a questo momento ai possessori di Chromecast Ultra. Da qualche tempo è invece possibile vedere l’icona 4K nella barra laterale di Google Stadia anche su Chrome “semplice”. La presenza è stata segnalata da alcuni utenti su Reddit.

Restano ovviamente necessarie le altre caratteristiche per il funzionamento della visione in 4K e 60 fps. Parliamo cioè dell’abbonamento in versione Pro, e di una connessione a internet di livello “eccellente” così come definita dal sistema di valutazione presente sulla piattaforma. Per verificare se anche nel vostro browser è disponibile la funzionalità 4K di Stadia, bisogna anche assicurarsi di aver abilitato la voce “migliore qualità visiva” nelle impostazioni relative all’uso dei dati e alle prestazioni del vostro account.

D’altra parte, con l’arrivo imminente di titoli AAA molto importanti, era davvero complicato immaginare uno scenario di ulteriore ritardo del 4K su Stadia. Sarebbe stato l’ennesimo fallimento di una piattaforma che già non gode di eccelsa salute.

Related posts

Google Stadia gratis per due mesi: ecco i dettagli dell’offerta

Alberto Sanci

Offerte Amazon: slitta il Prime Day 2020. Ipotesi a settembre

Alberto Sanci

I nuovi controller Google Stadia hanno i trigger molto rumorosi

Alberto Sanci