FoyhoTech.it
Salute e Benessere

La fontina è un formaggio grasso? La risposta dell’esperto sorprende tutti

Fonte: Pixabay - PDPhotos

La fontina è un formaggio tipico della Valle d’Aosta che però è gustato in tutt’Italia per il suo dolce sapore. Questo è un formaggio a pasta molle e semi-cruda che dal 1995 ha ricevuto dall’Unione Europa il marchio DOP (Denominazione di Origine Protetta).

La stagionatura della fontina può variare e a seconda di quale si vuole produrre cambia la consistenza. Essendo uno dei formaggi più consumato sulle nostre tavole in molti si chiedono se la fontina è un formaggio grasso. Daremo questa risposta con l’ausilio degli esperti nel settore e spiegheremo anche altre curiosità  su questo formaggio di seguito.

Come viene prodotta la fontina

I fattori determinanti nella produzione della fontina sono essenzialmente tre:

  • La qualità  del latte: questo deve essere ottenuto dalle vacche che fanno parte della razza Valdostana Pezzata e loro alimentazione deve obbligatoriamente essere a base di foraggio verde dei pascoli nei periodi estivi e fieno locale per gli altri mesi.
  • La lavorazione del latte: è previsto che questo venga utilizzato entro e non oltre i 120′ e non ne consente il riscaldamento oltre i 36°C prima della coagulazione.
  • Fermentazione della microflora proteolitica: questo è il passaggio finale ed importantissimo per la produzione della fontina.

La fontina è un formaggio grasso? Ecco la risposta dell’esperto

La fontina è un formaggio molto calorico e grasso, perchè si ottiene da latte vaccino intero, quindi il suo consumo è sconsigliato alle persone che seguono un regime di dieta ipercalorica e vita sedentaria. Mangiare fontina non è nemmeno molto adatto a coloro che soffrono di colesterolo e sono in sovrappeso, perchè questo formaggio contiene quantità  importanti proprio di colesterolo e quindi nei soggetti che già  ne soffrono potrebbe risultare molto dannoso.

Spiegato che si tratta di un formaggio particolarmente grasso va anche detto che è ricco di vitamine, soprattutto Vitamina A e Vitamina B2.

Nella fontina sono presenti anche una buona frazione proteica ad alto valore biologico e qualche traccia di lattosio, quindi anche le persone intolleranti al lattosio devono consumarla il meno possibile.

Infine è ricca di sodio, calcio e fosforo, che, se da un lato favorisce il raggiungimento della razione raccomandata del primo, costituisce anche una fonte potenzialmente eccessiva del secondo.

 

Related posts

La muffa nella marmellata fa bene o male? Risponde il medico

Patrizio Annunziata

Quale verdura è più ricca di ferro? Ecco l’elenco

Patrizio Annunziata

Cosa succede a chi mangia ricotta prima di dormire? Ecco la risposta

Patrizio Annunziata