FoyhoTech.it
Tecnologia

Stories su LinkedIn: anche sul social “lavorativo” i contenuti a tempo

Anche LinkedIn avrà le sue stories. È notizia di queste ore che il social dedicato al mondo del lavoro sta iniziando a sperimentare contenuti “effimeri”. E sarebbe a dire le stories: post temporanei disponibili solo per 24 ore alla visione degli utenti –  anche se alcuni danno la possibilità a chi li ha inseriti di riguardarli. Dopo un periodo di test interni riservati ai dipendenti, le Stories prenderanno il via anche su LinkedIn nei prossimi mesi, nella versione beta. Ulteriore sperimentazione, quindi, prima di proporre la novità al pubblico.

Al momento la novità non sembra destinata alla pubblicità, essendo diretta soltanto a singoli e non alle aziende. Ma non è da escludere un potenziale fattore di monetizzazione dalle stories su LinkedIn, anche perché col suo target di pubblico particolarmente “centrato”, le Stories potrebbero essere il veicolo migliore per diffondere iniziative come campagne di reclutamento, conventions e seminari. Resta comunque la consapevolezza che l’aumento del tasso di ingaggio degli utenti, salito del 25% nell’ultimo periodo, ha portato i vertici alla decisione di inserire questa feature nuova, almeno per LinkedIn.

LinkedIn e gli altri: senza Stories solo Twitter

La novità rappresenta una sorta riallineamento di LinkedIn agli altri social network, che attualmente propongono quasi tutti la possibilità di usare le Stories. Da Snapchat ad Instagram, da Facebook a WhatsApp, quasi tutti i social hanno le stories. Al momento rimarrebbe fuori soltanto Twitter, che però sembra aver acquisito di recente una società specializzata nella creazione di layout per le Stories. Sembrerebbe quindi potersi annunciare anche su Twitter l’arrivo dello stories.

La scelta nelle parole di Pete Davies

Per quanto riguarda LinkedIn, ne ha parlato il senior director of product management Pete Davies in un suo blog post. Queste le sue parole.“Abbiamo imparato molto sulle possibilità uniche delle Stories in un contesto professionale. Per esempio, la sequenza del formato Stories è ottima per condividere momenti chiave degli eventi di lavoro, lo stile narrativo full-screen rende facile condividere consigli e trucchi per aiutarci a lavorare in maniera più intelligente”, 

Related posts

Pokémon Go è ancora un successo: record di incassi nel 2019

Alberto Sanci

Costi extra a credito esaurito: AGCOM multa Tim, Vodafone e Wind Tre

Alberto Sanci

Soundbar LG: nei modelli 2020 l’AI per la calibrazione automatica del suono

Alberto Sanci