FoyhoTech.it
Salute e Benessere

Cosa succede a chi beve sciroppo d’agave? Ecco la risposta

Lo sciroppo d’agave è un dolcificante naturale, che può essere usato per sostituire il classico zucchero, perchè è molto meno calorico e viene usato soprattutto da chi segue un regime alimentare controllato. Ma cosa succede a chi bene sciroppo d’agave? La risposta la potrete leggere di seguito.

Caratteristiche dello sciroppo d’agave

Questo sciroppo si ottiene dal nettare raffinato della omonima pianta. Per estrarre il nettare la pianta subisce un elaborato processo di lavorazione. Il nettare viene poi filtrato, poi riscaldato quindi concentrato per essere addensato. Il composto finale somiglia molto al miele ma è meno denso e può mostrarsi in colori diversi sia chiari che scuri.

Lo sciroppo d’agave è ricco di zuccheri, ma principalmente è formato da fruttosio, un elemento non dannoso sui livelli di glucosio nel sangue. In più sono presenti i folati, essenziali per la crescita e la differenziazione cellulare, mentre molto scarse sono le quantità di vitamine  e sali minerali.

Cosa succede a chi beve sciroppo d’agave?

Chi usa lo sciroppo d’agave deve sapere che basta usarne una quantità minima per dolcificare ciò che si deve ingerire e questo perchè è potenzialmente molto più sostanzioso del saccarosio, ma a differenza di quest’ultimo è molto meno calorico, quindi molto adatto da usare per chi segue una dieta dimagrante.

In più come già accennato, grazie alla presenza di fruttosio, lo sciroppo d’agave non incide sui livelli di glucosio nel sangue. Quindi questo dolcificante naturale può essere usato, ma bisogna prestare molta attenzione ad alcune regole.

Lo sciroppo d’agave non deve essere usato in quantità eccessive e questo vale per tutti ma soprattutto per coloro che soffrono di diabete.

Anche se ha un basso indice glicemico, l’alto contenuto di fruttosio potrebbe portare ad un sovraccarico epatico del fegato e da qui potrebbero verificarsi lo sviluppo di malattie epatiche con livelli sopraelevati di trigliceridi e acido urico. Un altro motivo dunque per non eccedere mai nell’uso di sciroppo d’agave.

Quindi chi usa lo sciroppo d’agave in maniera coscienziosa potrà sicuramente trarne giovamento, mentre chi ne abusa potrebbe incorrere in problemi di non poco conto per la propria salute.

Related posts

Influenza di Gennaio e il suo picco massimo. Sintomi e prevenzione

Rita Incoronato

Il succo di melograno fa bene al colesterolo? Ecco la verità

Patrizio Annunziata

Stipsi: come sollecitare un intestino pigro

Rita Incoronato