FoyhoTech.it
Tecnologia

I Blu-ray UltraHD non si vendono più: è la fine del supporto?

Potrebbe essere vicina la “morte commerciale” dei Blu-ray Ultra HD. I dati di vendita negli Stati Uniti dei lettori  Blu-ray Ultra HD sono estremamente negativi. E non se la passano bene nemmeno i “supporti”: cioè le vendite di film su questo tipo di disco. Ma per loro potrebbe non essere la fine. Analizziamo meglio.

Crollano le vendite dei lettori BluRay Ultra HD

Secondo le stime dell’Associazione dei consumatori dei prodotti tech statunitense, la vendita di lettori con tecnologia  Ultra HD Blu-ray sarà di circa la metà rispetto al 2017, anno in cui c’è stato il picco di vendite. Il graduale disimpegno di alcune case di produzione sembra essere stato decisivo: Oppo e Samsung hanno abbandonato il mercato. E poi, al CES 2020 nessuno dei produttori rimasti (sono 4: LG, Panasonic, Pioneer e Sony) ha presentato nuovi modelli di lettori stand-alone. Un fattore che fa capire come l’industria stia dismettendo gli investimenti dal settore. E anche se i dati di vendita riguardano solo gli Stati Uniti, è difficile pensare che il mercato storicamente più ricettivo non faccia da apripista alle tendenze nel resto del mondo.

La causa del crollo: la diffusione dello streaming

È lo stesso report statunitense dell’assoconsumatori locale a spiegare che il calo di vendite – di tutti i lettori – è causato principalmente dalla diffusione e dal proliferare delle app di streaming di contenuti. Netflix, Prime Video, Disney+ ed Apple TV hanno di fatto “annullato” il mercato dei contenuti audio-video su supporto, mettendo a disposizione degli utenti quasi tutto quello che si possa desiderare in formato streaming. Nonostante l’evidente deficit nella qualità dei contenuti, le persone sembrano prediligere comunque comodità ed economicità al supporto fisico. Questo sembra segnare inesorabilmente la fine dei lettori Blu-ray Ultra HD, almeno considerati come oggetto tech di riproduzione di contenuti.

Lettori e supporti saranno usati nelle console next-gen

Perché tali lettori saranno comunque contenuti nelle console next-gen di Sony e Microsoft: PS5 e Xbox Series X. I lettori continueranno ad avere quindi un mercato legato alla produzione di console: entrambe ne integreranno uno al proprio interno, per ogni unità venduta. E magari gli utenti che compreranno queste console “approfitteranno” della presenza del lettore all’interno della stessa per acquistare qualche film su supporto Blu-ray Ultra HD.

Related posts

Crisi GameStop sempre più nera: l’azienda chiede politiche ancor più “aggressive”

Alberto Sanci

Borsa Italiana Oggi: previsioni 8 giugno per Fiat, Eni, Enel

Ago Ciri

Come pulire smartphone e notebook per difendersi dal coronavirus

Alberto Sanci