FoyhoTech.it
Salute e Benessere

Acceleratore di particelle: ecco il più piccolo al mondo

L’acceleratore di particelle è una macchina che serve a produrre ioni e particelle subatomiche con elevata energia cinetica. Questi macchinari mediante l’azione di radiazioni elettromagnetiche riescono a portare le particelle ad una velocità pari a quella della luce per permettere lo studio di elettroni ed altre particelle dette cariche in accelerazione e avere risultati anche in caso di scontro tra loro liberando altra energia. Avendo le radiazioni elettromagnetiche una causa fisica dovuta soprattutto alla grande distanza dei picchi di radiazioni è necessario ricorrere ad acceleratori di enormi dimensioni. Negli ultimi anni però uno studio condotto in America può stravolgere il campo medico sullo studio di queste particelle, perchè è stato creato il più piccolo acceleratore di particelle al mondo.

Cosa dice lo studio sull’acceleratore di particelle più piccolo al mondo

Lo studio sull’acceleratore più piccolo al mondo è stato pubblicato lo scorso 3 gennaio sulla rivista Science. Gli scienziati hanno rilevato che gli elettroni possono muoversi nel vuoto sospinti da un laser ad infrarossi all’interno di un nano-tunnel di silicio dalla grandezza di un cappello. Il prototipo di questo acceleratore dalle dimensioni minuscole è stato già creato, ma va specificato che gli elettroni e le particelle non riescono a viaggiare alla stessa velocità sviluppata dalla forza dei classici acceleratori, ma intanto un passo decisamente importante in vista futuristica è stato fatto, infatti gli stessi studiosi si sono detti certi di poter essere in grado di migliorarlo ancor di più fino a poter consentire innovativi esperimenti sulle particelle nei laboratori medici, biologici e chimici. Al momento servirebbero almeno 1000 acceleratori in miniatura per sviluppare la stessa potenza di un solo acceleratore classico, ma entro la fine di quest’anno dovrebbero arrivare nuovi sviluppi sul funzionamento di queste apparecchiature.

Ecco cosa sono pronti a sperimentare nel 2020 sul nuovo acceleratore di particelle più piccolo al mondo

Come accennato in precedenza il team di studiosi è certo di arrivare entro l’anno ad aumentare del 94% la velocità di questo minuscolo acceleratore di particelle e sono convinti di riuscirci inserendo un migliaio di stadi di accelerazione in circa un centimetro di spazio per un unico chip grande quanto un pollice. Se questo dovesse accadere ci sarebbe una svolta epocale per gli studi medici sulle particelle ed anche nel campo della cura dei tumori. La strada forse è ancora lunga ma sembra essere quella giusta. Tanti medici e ricercatori sperano che l’acceleratore di particelle più piccolo al mondo possa ben presto essere realtà per usarlo con frequenza in tutti i laboratori mondiali.

Related posts

Bere una bottiglia di vino al giorno: ecco cosa succede al nostro corpo

Rita Incoronato

Mangiare tonno in scatola fa bene? Attenzione, ecco cosa succede

Patrizio Annunziata

Cosa succede a chi mangia mirtilli congelati? Ecco la risposta

Patrizio Annunziata