FoyhoTech.it
Salute e Benessere

E’ vero che la tisana di finocchio sgonfia la pancia? Ecco la risposta!

Fonte: Pixabay - Pexels

Se siete amanti di infusi e tisane, e state cercando qualcosa che risolva il gonfiore che vi affligge dopo ogni pasto, siete nel posto giusto. La soluzione è talmente semplice e buona che ne diventerete dipendenti: il finocchietto selvatico! Un prodotto naturale dalle controindicazioni inesistenti.

Finocchietto selvatico e finocchio, una distinzione necessaria

Quando si parla di finocchio, bisogna con attenzione distinguere due piante: il finocchietto selvatico, la pianta aromatica spontanea molto diffusa nella macchia mediterranea; e il finocchio, il comune ortaggio dolce e saporito che si presta a tantissime ricette e cotture diverse. Entrambe le piante hanno grandi qualità  benefiche, ma è principalmente con il finocchietto che, nei periodi più freddi, si assapora l’infuso dei suoi piccoli semi.

Le qualità  di una pianta eccezionale, e come utilizzarla

I semi del finocchietto, infatti, si prestano benissimo all’infusione per le sue proprietà  aromatiche, ma soprattutto per le sue proprietà  benefiche: oltre ad essere buono, un simile infuso è drenante, disintossicante e depurativo. Ma ha anche doti digestive ed antinfiammatorie, e in generale è uno dei più efficaci rimedi contro i problemi gastro-intestinali.

Per sfruttare al massimo i suoi effetti, è consigliabile bere l’infuso dopo i pasti più abbondanti. Ma, perché no, anche dopo un pasto leggero, scaldando l’apparato digestivo e aiutandone il funzionamento. In alcuni casi, è possibile bere l’infuso anche prima di un’abbuffata per preparare lo stomaco all’imminente pasto.

Ma non abusate delle qualità  medicinali del finocchio: la cosa migliore da fare è evitare il più possibile pasti troppo abbondanti e grassi. Se troppo frequenti, è la salute a risentirne seriamente.

Consiglio d’acquisto: correte al negozio sfuso!

Con tutte le qualità  positive di questa pianta,  non credo sia possibile resistergli. Oltretutto, il sapore allo stesso tempo pungente e delicato, lo rende più piacevole di qualsiasi medicina. Ma in che forma comprarlo? È possibile acquistarlo principalmente in due modi:

 

  • Bustine monodose. Questa è la forma più diffusa in cui si vendono thè e tisane. Le bustine sono comode e veloci, e nonostante tutto l’impatto ambientale è minimo se i filtri utilizzati sono quelli di carta tradizionali. Le marche che producono tisane al finocchio sono svariate e tutte buone. Bisogna avere solo una accortezza: controllare sempre che non ci siano ingredienti strani oltre ai semi di finocchio. Solo così si può essere sicuri della qualità  del prodotto.
  • Semi di finocchio sfusi. L’opzione che vi consiglio è quella di comprare direttamente i semi di finocchio sfusi, diventati ormai uno dei prodotti di punta dei negozi di sfuso o alla spina. Comprando sfusi i semi, non solo avrete un prodotto migliore, vista la migliore qualità  media dei prodotti sfusi rispetto a quelli confezionati, ma oltretutto ridurrete l’impatto dei vostri acquisti vista l’assenza di confezioni multiple. 

 

Se deciderete di comprare sfusi i vostri semi, solo una cosa è necessaria: un barattolo riutilizzabile, preferibilmente di vetro! Con i vostri barattoli potrete fare la spesa sfusa, dei vostri ingredienti preferiti, senza utilizzare plastiche e sacchetti inquinanti. E basta un solo cucchiaino di semi, per un’ottima tisana bollente.

Related posts

Il pomodoro fa male al fegato? Attenzione, ecco la verità 

Patrizio Annunziata

Quale lievito usare per la pizza? Ecco la risposta

Patrizio Annunziata

E’ vero che bere gin fa dimagrire? Ecco la verità 

Patrizio Annunziata