Advertisement

Sicurezza a rischio su Whatsapp

I virus spesso si fanno strada nei device dei malcapitati sfruttando le piattaforme di messaggistica istantanea.

L’ultimo allarme riguarda il Social più diffuso dei nostri tempi: Whatsapp.

Ci sono stati tanti virus in circolo ad oggi e sono sempre stati tutti debellati, ma questo sembra particolarmente duro a morire.

Ecco come si presenta e diffonde

Si presenta come un file Exel, ma in realtà è un trojan ideato per sottrarre dati bancari dell’ignaro malcapitato; al momento il virus è confinato in India ma non è escluso che possa diffondersi velocemente nel resto del mondo.

Le potenziali vittime del virus sono i device meno recenti e che quindi si basano su versioni android meno aggiornate; sembrerebbero invece fuori pericolo i dispositivi con sistema IOS.

Secondo la CLUSIT (Associazione Italiana Sicurezza Informatica), la diffusione di virus attraverso applicazioni sui nostri smartphone studiate per derubarci dei dati bancari è un fenomeno in netta crescita.

Giusto per citare altri casi di tentativi di hackeraggio dei dati bancari, non più di una settimana prima del virus citato in quest’articolo, era stato individuato dalla polizia di stato un altro virus che si presentava con la seguente frase: “Ecco le nuove emoticon, troppo belle!!!”, una volta cliccato sul link veniva installato direttamente sul device del destinatario un trojan capace di decriptare dati sensibili.

Lo sforzo degli agenti in questi giorni è quello di divulgare dei metodi che ci assicurino di non contrarre i pericolosi virus sul nostro dispositivo.

Come difendersi

  • Fare attenzione a cosa si riceve e da chi.
  • Desistere da messaggi che ci invitano a scaricare nuove funzioni per applicazioni installate o in alcuni casi addirittura non installate sul nostro device.
  • Non scaricare applicazioni finte delle banche ricevute tramite e-mail da mittenti sospetti.
  • Munirsi di antivirus se si è in possesso di dispositivo android (suggerito Kasperky).

In definitiva il consiglio che ci sentiamo di dare è quello di diffidare dai messaggi provenienti da fonti sconosciute.

 

 

Condividi
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Share On Youtube
Contact us
Advertisement

A proposito dell'autore

Ciao ragazzi, sono Luigi, sono diplomato in grafica pubblicitaria e laureato in Industrial Design. Oltre alla passione per le materie artistiche, negli anni ho coltivato un crescente interesse per la tecnologia in tutte le sue sfaccettature: dai cellulari ai videogame dai pc alle console.

Post correlati